Conto Energia 2010: le novità

Il cosiddetto “Conto Energia” è un sitema che propone degli incentivi mirato alla produzione di energia elettrica mediante l’uso di fonti rinnovabili; questi contributi sono assegnati ai proprietari degli impianti, per l’energia prodotta con i pannelli fotovoltaici, che la possono vendere al gestore della rete elettrica nazionale. Probabilmente, e ce lo auguriamo, l’Italia potrebbe avere imboccato la strada giusta per iniziare a sfruttare l”energia del sole, gratuita e pulita, abbondante nel nostro paese. Questa seconda fase del conto energia che fu lanciato nel 2005, ma che poi è stato poco sfruttato nella realtà delle cose, vede rinnovarsi il grande interesse di aziende e privati che desiderano poter installare impianti per la produzione di energia elettrica e rivenderne le eccedenze, i piccoli produttori nella fattispecie, saranno premiati più dei grandi con tariffe più remunerative. I soldi necessari al pagamento di questo bonus, sono (naturalmente) sempre pagati dagli utenti che, già dall’anno 1992, pagano in bolletta una quota del 5%, destinata appunto a finanziare le energie rinnovabili, poi vedremo che nel concreto quasi solamente le fonti di energia assimiliate (impianti che sono alimentati da fumi di scarico, scarti di lavorazione o fonti fossili da giacimenti minori) sono quelle che ne hanno poi beneficiato di questo. Se pensiamo che solamente 6 miliardi di Euro del totale di 30 miliardi di Euro che gli utenti hanno pagato come sovrapprezzo in bolletta, sono realmente andati a finanziare energie pulite, vediamo che c’è ancora tanto da fare per indirizzare queste risorse verso tipi di energia REALMENTE pulita e a inquinamento zero. L’obbiettivo ambizioso di questa seconda fase del conto energia, è di poter raggiungere la...